Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
La biblioteca d
Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
      

 

 

 

 

La biblioteca d'oro

gli autori di oggi, gli artisti di domani

    Home page

 Sei un autore emergente e vuoi promuovere il tuo libro?

Vuoi richiedere una recensione ai nostri esperti collaboratori?

Vuoi una revisione e una valutazione editoriale per il tuo manoscritto inedito?

Vuoi promuovere il tuo libro nella nostra vetrina?

Vuoi metterti in gioco e partecipare ai nostri concorsi letterari?

 

La Biblioteca d'Oro

è il sito per gli autori di oggi

che saranno ricordati come artisti domani...

 

 

    Chi siamo

    Il mio libro

    Concorsi letterari

    Le nostre opere

    Libri in vetrina

    I nostri servizi

    Collabora con noi

    Siti amici

    I nostri poeti

    I nostri narratori

       

 

                           

 

ALTRI TEMPI

di Santina Russo

                                                       

 

Ti sei perso la presentazione del mio libro?

Vieni a vedere su you tube il video relativo alla presentazione del mio libro a Catania

Video presentazione Altri Tempi a Catania

 


                                                    INTERVISTA ALL’AUTRICE

Altri Tempi” è una raccolta di poesie in lingua italiana scritta per tutti coloro che in qualche modo si sentono legati alle tradizioni, per chi rimpiange i tempi antichi, spesso ricordati con rancore e un pizzico di nostalgia. Le poesie evocano ricordi e mondi lontani attraverso paesaggi naturali puri e incontaminati, attraverso ricordi di tradizioni antiche, di profondi affetti familiari, di autentici valori morali, tutti riscoperti e vissuti tramite i racconti e le memorie dei nonni e di coloro che quei tempi li hanno veramente trascorsi. In alcune poesie riaffiora il desiderio di poter rivivere quei tempi, “di assaporarne almeno l’aria”, evadendo così dal grigiore e dalla frenesia della vita moderna.
I rapporti familiari sono riscoperti attraverso altri valori morali, oggi forse poco condivisibili, ma allora assolutamente saldi e fondamentali: si riassapora così il ruolo fondamentale della donna nella famiglia, dalla sua nascita alla vecchiaia, il rapporto con i figli, con i nonni, con la maternità, con il compagno della propria vita. Non mancano, infine, aspetti e temi tutt’oggi alquanto discussi e oggetto di interminabili dibattiti come l’aborto e l’uso di cellule staminali ai fini scientifici.


Come nasce l’idea di questa raccolta?

L’idea di raccogliere le mie poesie è nata per caso: all’inizio avevo scritto cinque o sei poesie e quando poi mi sono accorta che tutte avevano un filo conduttore comune che era appunto il recupero di valori e sentimenti lontani, in nome della semplicità e della genuinità, ho capito che sarebbe stato opportuno raccoglierle in un unico volume che desse un’idea globale dei tempi passati attraverso diversi aspetti, attraverso diverse poesie.

Perché il ricordo di “Altri tempi” che non ha vissuto?

Sto vivendo adesso la mia giovinezza e questi sono secondo me i tempi della tecnologia, della globalizzazione, di internet. Stanno mutando i rapporti interpersonali, i valori, l’idea della famiglia, della maternità, del rispetto della natura. Io ho avuto la fortuna di avere due nonni splendidi, che adesso purtroppo non ci sono più, ma i ricordi più belli della mia infanzia sono legati a loro, ai loro racconti. Loro hanno vissuto la guerra, il dopoguerra, periodi di grande crisi e povertà e anche parte dei nostri giorni, quindi sentirli parlare della loro giovinezza con nostalgia e con rammarico, nonostante avessero vissuto periodi duri, mi ha affascinato molto, mi ha fatto riflettere e arrivare alla conclusione che forse per loro erano migliori quei tempi anziché quelli di adesso.

C’è un messaggio che si vuole dare ai lettori?

 No, il libro vuole solo far riflettere. Non ho la pretesa di impartire precetti a nessuno, ma attraverso queste poesie vorrei far riemergere il lato positivo degli anni passati e confrontarlo con il presente. Poi ognuno potrà trarre le proprie considerazioni.

                                              RECENSIONE di Barbara Bracci



Con la silloge dal suggestivo titolo “Altri Tempi” Santina Russo dà voce, con partecipata sensibilità, alle anime di un passato lontano, quello delle famiglie numerose, del lavoro dei campi, della fatica, ma anche della ricca dote nuziale, del buon pane fatto in casa e “dell’uva pestata a piedi nudi nella vasca/ A passi di danza leggeri ed eleganti”, in una dimensione di semplicità e di sacralità insieme. Un ricordo che riaffiora dalla voce di chi c’era ( “Erano altri tempi, figlia mia” ), e che rivive nei desideri di chi avrebbe voluto respirare il profumo di “campi odorosi in primavera”, quello del grano appena raccolto o di “un’aulente rosa”. Ma la poesia vuole soprattutto eternare l’essenza semplice delle genti di una volta, rappresentata dal profumo intenso e schietto del basilico ( “Il fiore più bello della natura/ E’ quello che timido al sole matura”). Ed è proprio l’elemento naturale a penetrare l’intera silloge e a dare vita alla contrapposizione tra quel mondo puro e incontaminato e la frenesia alienante di quello attuale, “risuonante di clacson premurosi/ di voci esagitate”. Una frenesia che si impossessa dell’uomo fin dall’infanzia, e che non risparmia la natura, a cui l’autrice intona un inno pacato e consapevole ( “Sole o sole […] Irradia il tuo splendore sugli allegri girasoli/ Figli tuoi, divisi dallo smog e dal grigiore”). Attraverso un linguaggio lirico, asciutto e scorrevole insieme, reso ancora più fluido dall’uso della rima ( “Al sublimar del crepuscolo d’oro […] Rari diamanti in contesa tra loro”), la poetessa si muove con delicatezza tra passato e presente, nostalgica di un tempo mai vissuto, collegato a quello attuale dalla forza della vita, dalla linea di continuità assicurata dalla procreazione, dai legami di sangue (“Da vergine donna diventasti madre/ Di otto figliuoli allattati al seno”). Donne esemplari, “uomini leali e coraggiosi”, che rivivono per noi grazie al potere infinito della poesia, restituendoci l’eco, lontana e possente, del “suonar delle campane”.
   

     Per acquistare il libro : www.santinarusso.com/altritempi

    oppure contattate direttamente l'autrice: santina81@tiscali.it   333-2151634