Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
 

      

 

 

La biblioteca d'oro

gli autori di oggi, gli artisti di domani

    Home page

 Sei un autore emergente e vuoi promuovere il tuo libro?

Vuoi richiedere una recensione ai nostri esperti collaboratori?

Vuoi una revisione e una valutazione editoriale per il tuo manoscritto inedito?

Vuoi promuovere il tuo libro nella nostra vetrina?

Vuoi metterti in gioco e partecipare ai nostri concorsi letterari?

 

La Biblioteca d'Oro

è il sito per gli autori di oggi

che saranno ricordati come artisti domani...

 

 

    Chi siamo

    Il mio libro

    Concorsi letterari

    Le nostre opere

   

 

    I nostri servizi

    Collabora con noi

    Siti amici

    I nostri poeti

    I nostri narratori

       

 

                           

   

I LIBRI DELLA BIOTECA

di Gaetano Lo Castro

 

 

 

 

L'AUTORE

Gaetano Lo Castro è nato a Cesarò (Messina), un paesino incastonato sugli ameni monti Nebrodi. Risiede a Fiumefreddo (Catania), una cittadina distesa ai piedi dell'Etna, al sole del Mar Ionio. Scrive romanzi, racconti, favole, testi teatrali, poesie, saggi.

Un suo testo è presente nell'antologia Quel libro nel cammino della mia vita, edita dal comune di Milano, Assessorato Cultura - Settore Biblioteche, 2000.

Il racconto, La ninfa della Ionio è giunto finalista al premio Montagne d'Argento, Aosta 2007.

Il romanzo I libri della bioteca si è classificato al primo posto al premio Dickens, Vidigulfo (Pavia), nel 2007.

I racconti La ninfa della Ionio e La regina dell'Etna sono stati pubblicati dalla Keltia Editrice, Aosta, 2008.
 

PRESENTAZIONE

Un ragazzo e una ragazza.

Quattordici-quindici anni ciascuno.

Lui con problemi scolastici, familiari e sentimentali; lei sensibile ed altruista.

Insieme percorreranno un cammino di crescita tra libri, droga e reincarnazione.

I libri: fantastici canali per conoscere se stessi, la vita e il mondo.
La droga: mitica sirena che fa sentire la sua malefica attrazione.

La reincarnazione: affascinante e misteriosa teoria religiosa.

 

RECENSIONE

di Santina Russo

L'opera dall'enigmatico titolo "I libri della Bioteca" suscita a prima vista un interesse che man mano aumenta attraverso la lettura delle pagine. Pagina dopo pagina, il lettore si sente chiamato a scoprire le vicende, a primo impatto vuote e prive di significato, di un adolescente timido, impacciato, che mostra difficoltà a relazionarsi con i coetanei e in casa subisce l'assenza della figura materna, con la quale instaura un rapporto basato su una comunicazione telegrafica e fredda, in bigliettini lasciati sul tavolo insieme al pranzo freddo.

La droga, nell'emblematica figura della Volpe, si erge minacciosa e attraente davanti alla fragilità del ragazzino, che tuttavia riesce a rimanerne estraneo, con consapevole autorità.

E all'improvviso un sogno, o forse, un pensiero che divaga in un'altra realtà e il ragazzino inizia ad avere consapevolezza di sé, del suo passato e della storia delle genti. I libri assumono dunque la parte più nascosta e intima di ciascun individuo, una realtà accessibile solo a determinate persone e in determinate condizioni. E così, il ragazzino inizia a mostrare un profondo interesse e una viva curiosità verso la scoperta di dimensioni e tempi lontani, riconoscendo nella sua lunga esistenza precedente, storie di vita vissute in diversi paesi del mondo, culture diverse, diverse situazioni, diversi sentimenti eppure sempre la stessa persona.

E finalmente, alla scoperta della propria essenza, riesce a condurre anche lei, la ragazzina che osservava da lontano senza aver il coraggio di rivolgerle la parola. Lei è allegra, dolce, generosa e presto nascerà tra i due una tenera relazione.

Inizierà così un rapido processo di maturazione e di autoanalisi che condurrà il ragazzino a prendere coscienza della propria indole, della propria volontà e gli farà riconquistare il rapporto con la madre, che scoprirà essere sua complice, confidente, insomma una vera e affettuosa madre.

Il romanzo ha una trama ricca di episodi, di digressioni nello spazio e nel tempo, tuttavia l'intreccio rimane semplice, i personaggi sono ben delineati nelle loro sfaccettature, scandite dalle loro azioni, i libri la chiave di lettura di ciascuno di essi.

Una storia che oserei definire "universale", come sottolinea il fatto che nessun personaggio nel libro ha un nome, tutti sono designati attraverso termini comuni, come "il ragazzo", "la ragazza", "la madre", "il padre", "il vecchio", "la vecchia", tranne "La Volpe", il giovane venticinquenne che rappresenta la tentazione malvagia della droga.

Solo alla fine, il lettore potrà rendersi conto di quanto sia azzeccato il titolo di questo romanzo, soprattutto nel senso più stretto del termine "Bioteca", ossia "custode di vita": in questo fantasioso e originalissimo racconto l'autore ha veramente custodito il segreto della vita, attraverso una simbologia semplice ma ricca di significato.

I libri della Bioteca, di Gaetano Lo Castro, edizioni EdiGiò 2008, pag. 125

 

 Genere: Narrativa

Anno 2008

ISBN 978-88-6205-141-5

Acquistalo qui

Pagine: 125

Prezzo: 11.00